IL RESPIRO

Il Respiro ci accompagna dal primo istante in cui veniamo al mondo. Con ogni atto respiratorio confermiamo tacitamente la nostra scelta originaria di vivere…
Ciò che cerchiamo di ottenere aumentando il volume e il ritmo respiratorio nel rebirthing è di dinamizzare le funzioni vitali, muovere più energia, far riemergere emozioni profonde… per osservarle, goderle  ed  integrarle armoniosamente nella nostra vita.

Aumentare il ritmo e il volume respiratorio agisce come  disintossicante e rivitalizzante, come “massaggio circolatorio sulla massa cerebrale” producendo una serie di processi a livello fisiologico: aumenta l’assorbimento dell’ossigeno, determina una caduta del tasso di anidride carbonica e una variazione del pH. La diminuzione del livello di anidride carbonica induce anche una lieve vasocostrizione, di cui risente 

principalmente l’area della neocorteccia, area del controllo logico razionale, che contiene, aggiorna e connette tutte le esperienze vissute, più quelle ereditate. La sua temporanea riduzione di controllo inibitorio permette il riaffiorare di quelle sensazioni ed emozioni altrimenti represse, provenienti dal cervello emotivo o limbico.

Questi contenuti emotivi possono essere rivissuti grazie al rebirthing senza censure in un nuovo contesto.  Per essere aggiornati consapevolemente e per creare nuove opportunità di scelta. In questo modo, lo spazio dell’intelligenza razionale (emisfero sinistro), generalmente dominante, si bilancia con l’area dell’intelligenza emotiva (emisfero destro).  Riequilibrio emisferico definito simbolicamente dal misticismo orientale come:“Camminare sui due piedi”.

 

Condividi su

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS